Codice Etico


CODICE ETICO E DISCIPLNARE

Collio Bike Team A.S.D.

Art. 1 – Premessa
Il Collio Bike Team ASD, di seguito CBT, opera nell’ambito sportivo/culturale. Il CBT riconosce lo sport quale strumento sociale, educativo e culturale aderendo ai principi del Fair Play, promuovendo e garantendo un ambiente sportivo ispirato ai concetti di lealtà, correttezza, amicizia e rispetto per gli altri. Il CBT ripudia ogni forma di discriminazione, di violenza, di corruzione, di doping e qualsiasi condotta che possa arrecare danno allo sport ed all’immagine del CBT, dei suoi associati e/o iscritti.

Art. 2 – Codice Etico e Disciplinare
Il Codice Etico e Disciplinare del CBT, di seguito anche “ll Codice”, reca norme sostanziali, comportamentali nonché disciplinari che dovranno essere rispettate da tutti gli iscritti e/o associati e/o collaboratori, in seno al CBT nell’ambito delle rispettive competenze ed in relazione alla posizione ricoperta.

Art. 3 – Destinatari
Il presente Codice si applica ai seguenti soggetti:

  • Soci, Presidente, Consiglio Direttivo, Iscritti, figure riconosciute ad honorem;
  • Collaboratori, consulenti esterni ed ogni altro soggetto che agisca nell’interesse del CBT;
  • Sponsor, elargitori liberali Il Codice Etico viene accettato incondizionatamente all’atto della richiesta di associazione e/o iscrizione.

Art. 4 – Efficacia e Divulgazione
Copia del Codice Etico e Disciplinare verrà consegnata a mano o inviata via mail, a tutti i soggetti destinatari sopra indicati, che sono, pertanto, tenuti a conoscerne il contenuto, ad osservare tutte le disposizioni in esso contenute, a contribuire alla loro applicazione, nonché ad assumersi le responsabilità conseguenti alla loro violazione che costituisce grave inadempienza ed è meritevole delle sanzioni disciplinari all’uopo in esso indicate. Il Codice Etico sarà valido ed efficace dal momento dell’iscrizione al CBT.

Art. 5 – CBT
Il CBT si impegna a:

  • operare nel pieno rispetto dell’ordinamento giuridico e sportivo vigente e ad uniformare le proprie azioni e comportamenti ai principi di lealtà, onestà, correttezza e trasparenza in ogni aspetto riferibile alla propria attività;
  • diffondere una sana cultura sportiva, promuovendo e garantendo un ambiente che premi sia il Fair Play che il successo agonistico.

Art. 6 – Consiglio Direttivo
I componenti del Consiglio Direttivo si impegnano a:

  • adeguare il proprio operato ai principi del presente Codice;
  • rispettare le leggi ed applicare tutte le norme di buona gestione delle attività sociali e delle risorse umane;
  • favorire le attività degli iscritti predisponendo piani di attività su base annuale;
  • rifiutare ogni forma di corruzione/concussione.

Inoltre, i componenti del Consiglio Direttivo, in qualità di garanti del Codice, hanno il compito di:

  • divulgare il presente Codice e vigilare sul rispetto delle norme in esso previste;
  • pronunciarsi sulle violazioni ed adottare le azioni disciplinari previste;
  • esprimere pareri in merito a scelte di politica societaria al fine di garantirne la coerenza disposizioni del presente Codice;
  • procedere alla periodica revisione del Codice.

Art. 7 – Gli associati e/o iscritti e/o collaboratori
Gli associati e/o iscritti e/o collaboratori praticanti le attività promosse dall’Associazione perseguiranno il miglior risultato sportivo secondo le possibilità possedute e nel rispetto dei principi previsti dal presente Codice nonché delle indicazioni di volta in volta fornite dal/dai responsabili della disciplina sportiva praticata/e ed eventualmente dagli altri organi dell’Associazione. Gli associati e/o iscritti, pertanto, consapevoli che il loro comportamento contribuisce a mantenere alto il valore dello Sport, si impegnano a:

  • onorare lo sport e le sue regole attraverso una competizione corretta, gareggiando al meglio delle proprie possibilità e condizioni psico-fisiche, e comportandosi sempre secondo i principi di lealtà e correttezza;
  • rifiutare ogni forma di doping;
  • rispettare tutti gli associati e/o iscritti ed i collaboratori;
  • rispettare gli avversari e i giudici, sicuri che le decisioni di questi ultimi sono sempre prese in buona fede ed obiettivamente;
  • tenere un comportamento irreprensibile ed esemplare usando sempre modi e linguaggio appropriato ed educato.

Art. 8 – Materiale Tecnico
Tutto il materiale tecnico che verrà fornito agli associati e/o iscritti da parte del CBT rimarrà di esclusiva proprietà di quest’ultima, così come il materiale acquistato dagli associati e/o iscritti resterà di proprietà di questi ultimi. A semplice richiesta, associati e/o iscritti saranno tenuti a restituire tutto il materiale ceduto in uso da parte del CBT.

Art. 9 – Procedimento disciplinare
Eventuali violazioni del presente Codice da parte degli associati e/o iscritti e/o collaboratori saranno valutate dal Consiglio Direttivo che avrà il compito di verificarne la fondatezza con il diretto interessato nonché con tutti coloro che siano direttamente o indirettamente a conoscenza dei fatti in contestazione. Il Direttivo è titolato a comminare i provvedimenti di cui allo Statuto: diffida, richiamo, radiazione. Il provvedimento disciplinare, qualora assunto, verrà notificato all’associato e/o iscritto. In caso di gravi violazioni del Codice che cagionino al CBT danni patrimoniali e/o d’immagine, sia diretti sia indiretti, il CBT si riserva di agire nei confronti del responsabile per il ristoro di tutti i danni subiti, fatto salvo il diritto di ciascun associato e/o iscritto o collaboratore di agire nei confronti dello stesso responsabile per il ristoro dei danni patrimoniali e/o di immagine a sua volta subiti.